NOMINE PRESIDENTI ALER. A MANTOVA DESIGNATO EX-COLLABORATORE DI FORZA ITALIA

NOMINE PRESIDENTI ALER. Ennesima infornata di nomine di uomini di partito: a Mantova nominato ex collaboratore di Maria Stella Gelmini.

E’ stato utilizzato il solito metodo per nominare i nuovi Presidente delle ALER lombarde. Come M5S avevamo avvisato i cittadini del rischio di vedere l’ennesima spartizione partitica di poltrone, infatti già nei giorni scorsi, leggendo i nomi dei candidati alle presidenze ALER, avevamo segnalato che la Giunta pareva avviata all’ennesima infornata di nomine calate dall’alto, invece che decidere sulla base di una accurata valutazione dei curricula. I nostri dubbi sono stati cancellati dalle nomine effettivamente designate: per ALER Brescia-Cremona-Mantova è stato designato Albano Bianco esponente di lungo corso di Forza Italia ed ex collaboratore di Maria Stella Gelmini, a Milano, che è universalmente nota per le criticità gestionali e i problemi di bilancio emersi anche grazie al lavoro del M5S, viene confermato il Presidente Sala. A Pavia-Lodi arriva Jacopo Vignati, segretario provinciale leghista. Per Varese-Como-Monza-Busto Arsizio c’è Bonassoli, ex assessore provinciale leghista e per Bergamo-Lecco-Sondrio l’ex Sindaco leghista Fabio Danesi. Come M5S sosteniamo da sempre che le nomine nelle partecipate pubbliche dovrebbero essere ispirate a criteri meritocratici e non di appartenenza partitica, e lo stiamo quotidianamente dimostrando con l’azione del Governo centrale. Più in generale, è ora di dire basta ai poltronitici di partito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.